Protesi dentaria fissa e mobile

Protesi dentaria fissa e mobile

Protesi dentaria fissa viene applicata in via definitiva dall’odontoiatra. Non può essere rimossa in autonomia dal paziente, per essere tolta, dovrà necessariamente essere necessario un intervento chirurgico.
La protesi dentaria fissa ha la caratteristica principale di sostituire i denti naturali perduti in modo definitivo e stabile e può essere costituita da corone oppure da ponti.

Le componenti della protesi possono essere faccette dentali, corone dentali o ponti dentali cementati a sostegni naturali, che il paziente non può rimuovere. Le corone sono solitamente i restauri più comuni quando si parla di protesi fisse.

Generalmente, le protesi dentali fisse si distinguono in due diverse categorie:

  1. Protesi dentale fissa su impianto: l’impianto dentale è di solito costituito da piccole viti in titanio che vanno a sostituire la radice dell’elemento dentale naturale mancante. Gli impianti vengono inseriti nell’osso nel punto in cui erano originariamente presenti i denti naturali e sono perfettamente integrabili con i tessuti del paziente grazie alla biocompatibilità del titanio. L’impianto rappresenta dunque la base di ancoraggio per la protesi fissa;
  2. Protesi dentale fissa su denti naturali: in questo caso, gli elementi dentali artificiali vengono appoggiati su quelli naturali ancora esistenti nella bocca del paziente. Questo tipo di intervento non è ovviamente possibile nei casi di edentulia totale (ossia mancanza di tutti i denti naturali) o di grave edentulia parziale.

Protesi dentale mobile La protesi dentale mobile è comunemente definita “dentiera” e, nella maggior parte dei casi, viene utilizzata per intervenire sulla mancanza di un’intera arcata dentale. In realtà, per ovvi motivi di funzionalità e stabilità, le protesi fisse sono di gran lunga preferibili rispetto alle protesi mobili che ormai stanno diventando sempre meno diffuse.

la protesi dentaria mobile possa essere rimossa in autonomia dal paziente senza il supporto del dentista. La rimozione della protesi dentale mobile serve essenzialmente ad agevolare le normali operazioni di igiene orale domiciliare.

Due diversi tipi di protesi dentaria mobile:

  1. Protesi dentale mobile parziale: interessa uno o più denti naturali mancanti, e viene ancorata con il supporto di appositi ganci agli elementi dentali naturali ancora presenti nella bocca del paziente o, in alternativa, agli impianti dentali;
  2. Protesi dentale mobile totale: è la soluzione più comunemente utilizzata nei casi di mancanza totale di denti naturali su un’arcata o su entrambe.